Subsidenza - danno indotto

Dati prodotti nell'ambito del programma di ricerca tra Autorità di Bacino del Fiume Arno e Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze (DST) congiuntamente a TeleRilevamento Europa s.r.l.(società del Politecnico di Milano). L'obiettivo generale della convenzione di ricerca è quello di realizzare all'interno del territorio del bacino del fiume Arno una mappatura delle aree interessate da fenomeni di subsidenza del terreno, sia indotti da attività antropiche, quali estrazione di acqua dal sottosuolo a fini industriali e domestici, che da fenomeni naturali, quali compattazione dei sedimenti. La metodologia utilizzata per realizzare tale mappatura prevede l'integrazione in ambiente GIS dei dati derivanti dalle tecniche satellitari radar interferometriche secondo la tecnologia dei Permanet Scatteres, che permettono di misurare le deformazioni del terreno con accuratezza millimetrica su vaste aree, con dati geologici ed idrogeologici e con un'analisi degli elementi a rischio e della loro vulnerabilità. Lo strato rappresenta una valutazione qualitativa del danno atteso sul territorio in funzione dei fenomeni di subsidenza registrati. Il raster è stato ottenuto incrociando la vulnerabilità del territorio verso i fenomeni di subsidenza di cui allo strato 303 (Vulnerabilità) con l'esposizione degli elementi a rischio di cui allo strato 57 (Esposizione classi) e applicando una suddivisione in cinque classi di danno crescente (D0, D1, D2, D3, D4) tramite la seguente matrice di contingenza: - V0 - - V1 - - V2 - - V3 - - V4 - - E0 - D0 D0 D0 D1 D1 - E1 - D0 D1 D1 D1 D2 - E2 - D0 D1 D2 D2 D3 - E3 - D0 D1 D2 D3 D4 - E4 - D0 D2 D3 D4 D4

Informazioni supplementari

Informazioni sul dato Metadato ISO Originale
UUID d'origine ADBARNO00302
Tipo risorsa
Sistema di riferimento ROMA40/OVEST (3003)
Referente
Contatto referente
Data aggiornamento revision - 2006-04-10T00:00:00

Area coperta